Italiano
English
Deutsch
Lingua: Italiano

Capolavori a Tavola

Pubblicato il 15/07/2016 da Silvia Cavigli

Martedì 21 Giugno si è tenuta la XV° edizione dell’evento Capolavori a Tavola, una serata di gala casentinese organizzata da Simone Fracassi, uno che del buon cibo ha fatto bandiera in tutto il Mondo. Per chi non lo conoscesse, Simone è uno dei macellai più famosi d'Italia, è uno che con le sue chianine ha praticamente girato i 5 continenti. Da oltre 15 anni Simone riunisce ogni anno a Borgo Corsignano i più prestigiosi nomi della ristorazione e del vino, per una serata magica ed esclusiva, che ha come fulcro tre elementi costanti: la solidarietà, il buon cibo e il buon vino! Si, fa da sfondo la beneficenza, infatti ogni anno   viene chiamata un’organizzazione benefica alla quale devolvere l’intero incasso della serata e quest’anno è stata la volta di Los Ninos de Quito, una Onlus fondata da un altro illustre casentinese per aiutare i bambini del Terzo Mondo. A questo si affianca, però, una serata costellata dai più grandi chef a livello nazionale, che con le loro opere d’arte….culinaria… soddisfano il palato degli ospiti della serata. Gli chef che quest’anno ci hanno deliziato sono:

Stefano Bartolini (ristorante La Buca di Cesenatico),
Francesco Bracali (ristorante Bracali di Massa Marittima),
Salvatore Bianco (ristorante Il Comandante dell’hotel Romeo di Napoli),
Vincenzo Guarino (ristorante Il Pievano di Gaiole in Chianti),
Peter Brunel (ristorante Borgo San Jacopo di Firenze),
Sebastiano Lombardi (ristorante il Pellicano a Porto Ercole),
Alberto Degl’Innocenti (ristorante Il Tirabusciò a Bibbiena)
Luciano Zazzeri (ristorante La Pineta di Marina di Bibbona).

  Con una carrellata del genere di chef stellati, si capisce come la serata diventi l’occasione per assaporare cibi particolari, ricercati, curati nei minimi dettagli. Quest’anno, ad esempio, erano in scena il diaframma di Chianina I.G.P. marinato al Miso (che, detto così, non rende l’idea di quanto fosse buono!); lo sfilato di Chianina I.G.P. con capperi, cipolle di Certaldo e limone di Amalfi, che ha decisamente fatto il fumo, infatti dopo mezz'ora era già terminato; panini col pesce, prosciutto di Grigio del Casentino da mangiarsi tassativamente con le buonissime, meravigliose schiacciatine del Menchetti. Insomma un sacco di ROBA BONA! Il tutto bagnato da ottimi vini, tra cui Dal Cero e Morami, ma anche da una sfilata di bollicine, dal Trento metodo classico Ferrari, allo champagne Pommery. E tutto questo solo per quanto riguarda la parte iniziale della serata, il cosiddetto buffet nella Sala Giochi, cioè nel grande giardino di Borgo Corsignano. A questo segue la cena nel Granaio, cioè nell’immensa sala da pranzo a due piani, che si trova a fianco alla Sala Giochi. Anche qui abbiamo potuto assaggiare delle  gran prelibatezze preparate ad arte dagli chef Gaetano Trovato (dal ristorante Arnolfo di Colle Val D’Elsa) e Paolo Teverini (dall’omonimo ristorante di Bagno di Romagna) ; mentre nel bicchiere i protagonisti della cena sono stati prima Il Masso IGT 2013 di Mansalto e Montemaggiore, vino che non conoscevo ma che si è rivelato davvero buono ed elegante, e poi il syrah 2013 di Stefano Amerighi, uno dei migliori syrah prodotti a Cortona che, anche in questa occasione, non ha deluso minimamente le mie aspettative. Poi, per finire in bellezza, abbiamo gustato il gelato artigianale al pistacchio del grande gelataio Sergio Dondoli, cioccolate dell’illustre cioccolateria aretina Vestri e un dessert davvero particolare: una mela fatta di cioccolato bianco e ripiena di una mousse di panna, il tutto elaborato da Pesca Melba, niente popò di meno che lo chef del Four Seasons di Firenze, sigari toscani, rum e distillati, serviti nella splendida cornice del bordo piscina del resort. La perfetta elaborazione e l’eleganza sono da sempre una costante della serata, che rappresenta uno degli eventi più "IN" del Casentino, se non di tutta la provincia di Arezzo, grazie anche alla presenza di nomi altisonanti nel campo della ristorazione e degli amici di Simone,   tra cui Beppe Bigazzi, Antonella Clerici, Gianfranco Vissani, Davide Scabin e molti altri. Il costo della serata non è proprio popolare (quest’anno era di 90,00 euro), ma vale sicuramente i soldi spesi, infatti ogni anno è sold out già diversi giorni prima dell’evento. Addirittura quest’anno mi è sembrato che l’affluenza fosse ancora maggiore rispetto agli anni passati. Sinceramente la cosa non mi stupisce!

Complimenti Simone per l’impegno che metti nell’organizzare e gestire questa meravigliosa serata tanto da superarti ogni anno; dev’essere un periodo molto faticoso quello che precede Capolavori a Tavola, ma sono assolutamente sicura che il giorno dopo, alla fine della tradizionale colazione presso la tua macelleria a Rassina, la soddisfazione che deriva dalla riuscita di una serata così perfetta ti ripaghi di tutto il mazzo fatto!!

Per chi volesse informazioni sulla serata (ormai per l’anno prossimo!!) il link del sito è:
www.capolavoriatavola.it

ARTICOLI RECENTI

SAGRE E VINI: NOTE DOLENTI

Estate in Rosa

Capolavori a Tavola

Biondi e Santi e Marchesi di Gresy, due intramontabili

TOP 10 DEL VINITALY

VINITALY 2016 (parte 1)

Anteprima Nobile Montepulciano

Ogni vino ha il suo bicchiere

Tuscany Taste

Wine And Siena

2020Bere è, Via del Prato 4/8 - Partita Iva 02359340516 Codice Fiscale 02359340516
info@bereewineshop.com - Telefono (+39) 0575.561611 - Cellulare +39) 348.9121381
Powered by Mediasky
Follow us on Facebook